Formazione? Ormai è morta.

 

Formazione. Quello della formazione è sempre stato un argomento che ho avuto particolarmente a cuore. E’ un esperienza che ho vissuto da entrambe le parti. Prima, da ragazzino quando ho iniziato a lavorare,  ovviamente dovuto far crescere le mie competenze attraverso le conoscenze degli altri. Ma  poi, passati alcuni anni ho avuto la possibilità di esercitare la mia consapevolezza professionale erogando formazione ad altri. L’ho fatto per una delle aziende che più ha costruito la sua immagine sullo strutturare professionisti capaci, Wella, l’ho fatto anche per il gruppo Mitù, un prestigioso gruppo stilistico che raggruppa alcuni dei più capaci creativi del nostro paese. Ho avuto la fortuna di farlo in Europa per Brelil, ( SHOW in Croazia ) e per Paul Mitchell.

Insomma, si può probabilmente dire che abbia acquisito abbastanza esperienza in campo formativo da esprimere una mia opinione.

Benissimo allora, la mia attuale opinione è che…

” LA FORMAZIONE E’ MORTA “

Aula in accademia Vidal Sasson

Ok, molti penseranno che sono impazzito. Persino la mia famiglia, che mi ha visto andare in giro per l’Italia e l’Europa ogni week end per anni non comprende esattamente di cosa io stia parlando, ma mi sento così sicuro di ciò che dico che posso addirittura ripeterlo.

” LA FORMAZIONE E’ MORTA “

Ora però cercherò di essere più preciso perchè su una cosa non si discute. senza competenze, non si và da nessuna parte. “Nessuno è abbastanza artista per sopravvivere senza sapere tutto il necessario della propria professione.”  Ma la formazione che deriva direttamente dalle aziende è in grossissima crisi. 

Ma quali sono le motivazioni?

  1. Il livello medio del parrucchiere è salito tanto, e la difficoltà delle aziende di trovare formatori all’altezza delle esigenze dell’utenza è elevata. Quanti parrucchieri sono disposti ad abbandonare a lungo il proprio “regno” ? quanto spesso ? e per quale motivo dovrebbero mai farlo? Come mai è così frequente che i formatori abbiano saloni di minor successo, rispetto alle persone che devono formare?
  2. La difficoltà delle aziende di formare le persone nel tempo necessario a soddisfare il mercato rasenta l’impossibilità. Preparare una collezione, sviluppare tecniche, sono cose che richiedono inesorabilmente una marea di tempo, l’ho provato per molti anni con il gruppo Mitù
  3. La formazione di qualità ha costi troppo alti per tutti quei professionisti che cercano di litigarsi il mercato a botte di riduzioni di prezzo e riducendo all’osso il proprio listino. LA FORMAZIONE COSTA… E TANTO!!!

E quindi ?

Stò forse dicendo che non bisogna formarsi ?

assolutamente no !!

Anzi, voglio dire l’esatto opposto, voglio dire che la formazione và fatta con maggior attenzione e cura e scelta con maggior attenzione.

Dimentichiamoci la formazione che conoscevamo, dimenticatevi di poter entrare da qualsiasi parrucchiere e poter chiedere una determinata tecnica. Come successe con Shatush

In quale modo?

La primavera è per noi periodo di formazione, Samuele è appena tornato da un corso esplosivo su Milano, fatto da uno dei più grandi barbieri d’Italia (ne parlerò in modo più dettagliato prossimamente). Mentre Luna stà per iniziare una prestigiosa accademia di taglio con il gruppo Allilon education. Questa è la strada che seguono tutti da Echoes, Hilary appena tornerà dalla sua maternità seguirà la stessa direzione, e nella stessa misura si formerà Giada, malgrado i suoi 11 anni di esperienza nel mondo della colorazione.

E quindi?

E quindi, loro stando forgiando le loro conoscenze in modo profondo e di altissima qualità. Nessun tempo sprecato, se possibile, in giornate che non hanno portato a nulla. Nessuna giornata dal programma vago e incerto con formatori dai tratti non definiti.

La qualità è alla base di tutto.

Ma allora, cosa manca ?

Manca la cosa più importante, non si può più delegare tutta la responsabilità della formazione alle aziende, bisogna capire cosa si vuole fare nella propria struttura. Noi di Echoes ad esempio,  siamo GLI SPECIALISTI DI CURA E COLORE, e su queste due ” specialità ” siamo preparati fino all’osso, siamo imbattibili.

Non ci spaventa nulla.

Ma anche questo non basta, ogni giorno, dobbiamo decidere su cosa vogliamo essere i migliori, anche all’interno delle nostre specialità. In che modo vogliamo realizzare i nostri/vostri lavori tecnici, con quali prodotti, con quali tecniche. E solo allora formarci meticolosamente sul metodo. Si, perchè il metodo è tutto.

Ecco quindi cosa penso della formazione. La formazione tradizionale, quella che si apprende senza discutere dalle aziende è definitivamente deceduta. Ora è il momento di strutturare dei veri e propri percorsi all’interno della propria attività.

Bene, ora sapete cosa c’è dietro ogni lavoro che vi proponiamo, non solo tutti quei colori folli che sforniamo in continuazione. ma anche e soprattutto in ogni piccolo gesto. Anche dietro una” semplice ma non scontata ” applicazione di un colore ci sono sacrifici e sforzi notevoli. Sarebbe a questo punto troppo lungo spiegare cosa si cela dietro la preparazione delle linee che vogliamo realizzare con i nostri tagli. Un lavoro che parte dalla “chiaccherata” che facciamo ancora prima di lavarvi i capelli  e finisce con l’ultimo tocco di prodotto prima che vi alziate dalla nostra poltrona.

Vi sfidiamo ogni giorno a metterci alla prova 😉 !

 

F. C.

Non perderti tutte le nostre novità

clikka qui per registrarti alla nostra newsletter